Carnevale Storico di Offida

In genere viene indicato col nome "CARNEVALE" il periodo di tempo che intercorre tra il 17 gennaio ed il primo giorno di quaresima. Le origini del carnevale Offidano risalgono ai primi del 1500, negli statuti di Offida (STATUTA OPHYDANORUM) scritti nel 1524 si parla di congedere una giornata di vacanza ai funzionari per il giorno del giovedi grasso e di carnevale. Lo svolgimento del carnevale in Offida, è imperniato sulle due manifestazioni che da tempo ne rappresentano un' inconfondibile peculiarita': " LU BOV FINT " e " I VLURD " da non dimenticare poi le " CONGREGHE " che sono l'anima del carnevale offidano. Dopo il 17 gennaio le manifestazioni ufficiali oltre ai VEGLIONISSIMI ( che si svolgono al Teatro Serpente Aureo ) sono: La Domenica degli amici,
la Domenica dei parenti, il Giovedi grasso,  LU BOV FINT, la Domenica di carnevale e il Martedi grasso CARNEVALE / VLURD.

lu guazzarò

images.jpg

GUAZZARO' è una forma dialettale da guazzarone o guazzone, un capo di vestiario di tela, simile ad una tunica,
che uomini e donne indossavano durante il lavoro nei campi, come abito da fatica. Oltre al ceto contadino lo portavano, talvolta, modesti artigiani e piccoli commercianti. Non sempre era lungo fino a giungere al malleolo di chi l'indossava, ma, spesso, tra la gioventù, tale indumento si fermava, appena, al di sotto del ginocchio. La parola deriva dal verbo guazzare col significato, figurato, di un indumento, in cui ci si poteva muovere, liberamente. L'uso del guazzarone sconparve agli inizi del 1700, ma seguitò ad essere portato, in alcune località, solo durante il carnevale, per evitare di essere sporcati. In Offida, ( ove si indossa come maschera sia per il giorno del BOV FINT, sia per portare i VLURD) il suo uso può risalire al 1500, epoca in cui già si festeggiava il carnevale. Un cronista, nel 1893, scriveva: " lo storico guazzarò " a volerne, forse, significare l'appartenenza ad una radicata e sentita tradizione locale.

Guazzarò, antica e tradizionale veste carnascialesca e la M’ntura, di origine più recente, ma che da diversi decenni rappresenta la veste tipica indossata nel giorno del Bove Finto, sono state inserite tra le maschere allegoriche italiane".

addio Ninetta addio

addio Ninetta addio

E' l'inno ufficiale del carnevale offidano, che modificarono il titolo da: Addio mia bella addio in: ADDIO NINETTA ADDIO in onore delle donne offidane, scritta da Carlo Bosi per coloro che combatterono le guerre per l'indipendenza. E' stato adottato come inno del carnevale offidano perche' molti giovani offidani al ritorno dalle guerre ripetettero i canti patriottici intonati sui campi di battaglia e quello che piacque di più per il suo ritmo e perche' molto orecchiabile, fu appunto "L'Addio del volontario toscano" o "Addio mia bella addio". Questa canzone viene suonata in tutte le manifestazioni del carnevale offidano.


Giovedì grasso

bambini.jpg

Alle ore 12.00 il Sindaco consegna le chiavi della Città ad una Congrega. Nel pomeriggio, all'interno del Teatro Serpente Aureo i bambini si mascherano e sfilano sul palco, ci sono i singoli, le coppie e i gruppi e dopo un attento esame della giuria i migliori vengono premiati. Dalle ore 22,00 su tutto il Centro Storico, musica e allegria con le Storiche Congreghe offidane


Consegna delle chiavi

il Giovedi grasso una congrega riceve le chiavi della Città

i veglionissimi

I veglioni che si svolgevano erano generalmente tre o quattro: il sabato, il giovedi grasso, il sabato e il lunedi; nel Circolo Cittadino o nelle sale del palazzo Comunale, di rado nel teatro. Durante la guerra, si ballava in case private, poi passata la guerra iniziarono i veglioni al teatro. L'orchestra che iniziò le danze fu " Bacicin ". In quegl'anni, iniziò la carriera di presentatore Mario Casali, che poi divenne l'animatore principe del carnevale. Da ricordare altre due orchestre che per molti anni si esibirono al Teatro, e furono " I Meridiani " e " Roberto Tommasi e la sua Band ". Le manifestazioni erano organizzate dalla Società Teatrale, poi passarono al CRAL. Intorno agli anni 60 fu la Polisportiva a curarne l'organizzazione fino al 1966, poi, per un anno, furono dei giovani offidani ad organizzare il carnevale e per ridare vita ai veglioni fecero venire Gianni Morandi, l'anno dopo, nel 1968 l'organizzazione passò alla PRO LOCO (che tutt'ora organizza i veglioni), la quale, negli anni a venire trasformò il veglione d'apertura con la festa del socio e quello della domenica divenne mascherato. Oggi i veglionissimi sono il fiore all'occhiello del carnevale offidano, perchè sono pochi i teatri dove è possibile ballare.

la Piazza la Domenica degli amici

la Piazza a carnevale

il Carnevale e i Vlurd

Il Carnevale offidano è suddiviso in 2 manifestazioni: in una ci sono le Congreghe che sfilano sparse per il paese e per la piazza, dove arrivano anche tutti i gruppi mascherati, che rimangono li a ballare. L'altra riguarda i VLURD, che iniziano alle ore 19.00.